Alterna la propria residenza tra Trieste, la sua città natale, e altre all’estero.

Inizia a esporre quadri già nel 1990 studente all’Istituto d’arte, dove è già intravista la buona predisposizione alle tecniche pittoriche e dove è incoraggiato ad affinare la sua personalissima tecnica, si considera autodidatta. Sempre disposto ad ascoltare i consigli, trae profitto dai suggerimenti che gli arrivano da artisti esperti quali Livio Rosignano. Da loro trae costanti stimoli pittorici e personali che lo portano a trasferirsi in Kenya dove scopre il suo habitat pittorico ideale, “costruendo” e affinando costantemente una personalissima visione dell’Africa e del misterioso mondo che è ne è parte.

Gli animali, i paesaggi entrano a pieno respiro nella sua visione pittorica, fatta di colori scintillanti, vivi, come il suo costante entusiasmo verso l’esistere. Con il passare del tempo Alberto Crismani affina costantemente le sue capacità pittoriche e dalle accensioni colorate impressionistiche approdano, dopo alcune fasi intermedie, ad una pittura più tonale e di filtro.

A Trieste, dove già dal 1998 ha frequentato studi e corsi di disegno del nudo, degli animali e anche di tecniche d’incisione, scopre la sua passione per i colori sempre più forti, intensi nelle quali egli rispecchia il suo carattere sensibile ma altrettanto deciso. Il suo cuore, però rimane in Africa della quale rivive costantemente i colori, dove alba e tramonto sembrano quasi fondersi tra loro in una cadenza cromatica che progressivamente si fa colore della vita.

Gli sono quindi commissionati numerosi lavori sia a Trieste, sia in Svizzera sia in Kenia e ottiene vari ed espressivi premi e riconoscimenti non solo a Trieste dove, peraltro, ha esposto con gran successo sin dal 2008. Ma Alberto non si ferma a questi primi risultati, e continua a perfezionare la sua tecnica di giorno in giorno ed ha in programma altre mostre nella sua città natale e all’estero.